Se volete farvi ricordare scrivete una canzone di Natale

16 Dic

L'abito di Natale

Oggi quando sono tornata a casa fischiettavo “All I want for Christmas is you” che Mariah Carey nella sua mise da babba-natalina ci propinava nel 1994 ma che dalle capacità di attecchimento nel mio inconscio canoro sembra essere uscita ieri. Tutto grazie alle compilation che mandano a ripetizione nelle profumerie mentre aspetti che una “impacchettatrice” (non è colpa mia, così le chiamano negli annunci di lavoro per reclutarle) finisca con tutta la calma del mondo di incartare la confezione di bagnoschiuma al cocco che hai comprato per tua zia.

È Natale e come se non bastasse il supplizio di trovare un pensiero-regalo anche per la segretaria della tua ginecologa, l’angoscia incommensurabile diffusa per tutti i trenta giorni di dicembre sotto forma di top cento, top dieci, di oroscopi e di “tirando le somme”, ci si mettono anche gli stessi negozi a metterti l’ansia da calendario dell’avvento mediante canzoni di Natale che vengono mandate senza nessuna selezione di qualità/cantabilità/dignità non dico della melodia ma quanto meno del testo.

E se si trattasse semplicemente dell’epocale “Last Christmas” che gli Wham! fecero uscire nel 1984, ma che negli anni ha subito circa una trentina di cover – tra cui quelle di George Micheal, del cast di Glee nonché quella di Ivana Spagna – e che tutti conoscono ancor prima di nascere per trasmissione genetica, sarebbe modesto il disturbo: il vero problema è che questi metton su qualsiasi cd natalizio gli passi sotto mano, come se bastasse cantare di abeti e campane innevate per giustificare la colonna sonora di dicembre non solo di quest’anno ma anche di tutti quelli a venire, senza scampo. Allora sei lì, che cerchi di decidere se per tua madre sia meglio la candela artigianale a forma di fiore di loto oppure un più prosaico aspirapolvere wireless, e proprio mentre trattieni l’impulso di dirottare tutti i soldi verso quegli stivali che hai visto per te e che ti starebbero così bene, ecco che parte “Bianco Natale” di Irene Grandi.

E lì maledici prima le feste, poi la profumeria, poi infine te stessa perché pensi che se avresti scritto una stupida canzone di Natale ci staresti perfino tu nel cd e i regali li staresti comprando sicuramente da un’altra parte.

2 Risposte to “Se volete farvi ricordare scrivete una canzone di Natale”

  1. Silvia dicembre 16, 2011 a 08:15 #

    Concordo! Ieri da Accessorize hanno riesumato il cd natalizio degli Hanson! W gli anni 90!!!!!

    • Carlotta Balena dicembre 16, 2011 a 08:27 #

      Almeno gli Hanson sono più cantabili, ma tu l’hai mai sentito l’intero album di Natale della Grandi senza interruzione? (E a me la Grandi piace pure in teoria!)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: