The last day of the year

31 Dic

Miu Miu Glitter Boots F/W 2011

Ieri sera mi trovavo a cena con altre 8 persone. Di queste, 6 erano vestite di grigio, 2 di blu scuro. Io avevo il mio maglione norvegese blu con le stelle alpine bianche e i pon pon che scendono dal cappuccio (dopotutto mi trovo in montagna a 1.800 metri). Ed ho pensato a quanto certi colori, sebbene splendidi in determinati casi (io adoro il grigio) diventino semplicemente tristi se utilizzati a mo’ di “colore d’obbligo” (della serie “o lo compro in grigio, o lo compro in nero o lo compro in blu presidenziale, tanto tutti gli altri colori in cui quel maglioncino è disponibile so già che non li indosserò mai per principio”)

Oggi è il giorno più pesante dell’anno perché si porta sulle spalle tutti i precedenti. E le riflessioni sono quasi un dovere morale. Dicembre finalmente se n’è andato e con esso tutte le tiritere alla radio e in tv dei vari primati e classifiche del 2011. L’uomo dell’anno, la canzone dell’anno, il colore dell’anno (per chi non lo sapesse, è l’arancione) e giù a fare top ten. Che se da una parte sono un modo per ripercorrere il nostro vissuto (come fa, ad esempio, il progetto Year in Hashtag che ha raccolto le parole chiave maggiormente utilizzare su Twitter per costruire un mosaico di eventi e accaduti che hanno segnato l’intero anno) dall’altra portano inevitabilmente a pensare al tempo che scorre.

Quindi a un certo punto ti senti sollevata dal pensare che l’anno è finito perché così con quello nuovo hai un’altra possibilità per cominciare da capo, per fare tutto quello che non hai fatto, per adempiere a tutte le promesse (fatte a te stessa) che nel 2011 non hai mantenuto. Per ricominciare a scrivere pagine di vita, voltando quelle sature dell’inchiostro del passato.

I cambiamenti si fanno poco alla volta: per esempio iniziare a usare un colore che non avreste mai preso in considerazione. Che ne so, il rosa salmone, il verde smeraldo, l’arancio albicocca.

E iniziate da stasera: tanto, statene certi, tutti gli altri si vestiranno di nero.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: